FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Google, cambia l’algoritmo di ricerca: ecco le pagine che avranno più visibilità

Migliaia di operatori a sorvegliare il rispetto delle nuove linee guida: più in alto nel ranking i contenuti originali, attendibili, approfonditi e professionali

Google, cambia l’algoritmo di ricerca: ecco le pagine che avranno più visibilità

La battaglia di Google alle fake news e all'informazione approssimativa continua. Questa volta la società di Mountain View scende in campo con un cambio dell’algoritmo di Google Search e il reclutamento di 10mila operatori esperti impegnati nella sua supervisione. In particolare per quanto riguarda i siti di notizie, il colosso digitale vuole posizionare più alto nel ranking i contenuti originali, attendibili e approfonditi. Più stretti anche i controlli sull'autorevolezza e le competenze specifiche degli autori.

Più spazio alla qualità dei contenuti - Fino ad ora, Google posizionava in alto nel ranking le versioni più complete di una notizia e le ultime in termini cronologici. Con il nuovo algoritmo, saranno in evidenza- rimanendoci anche più a lungo- i contenuti originali, ovvero quelli da cui sono partiti uno scandalo o un'inchiesta e che, al momento della pubblicazione, hanno fornito un'informazione che sarebbe rimasta altrimenti ignota. Saranno valorizzati anche i contenuti più approfonditi, che richiedono molto in termini di tempo, impegno e risorse da parte di chi li pubblica. Ovviamente, non mancherà il controllo qualità: le 10mila nuove reclute di Google, esperti in vari ambiti, valuteranno l’attendibilità dei contenuti e “addestreranno” il motore di ricerca a centrare gli obiettivi delle nuove linee guida. Inoltre, gli standard non saranno applicati soltanto sui contenuti testuali, ma anche su quelli artistici, come video, immagini e fotografie, di cui saranno valutati l’abilità, il talento e il tempo impiegati per la loro realizzazione.

L’autorevolezza degli autori dei contenuti sarà fondamentale - Il nuovo algoritmo, terrà in considerazione il contenuto, ma anche l’autore. Le pagine più sottoposte a stretti controlli saranno le YMYL, ovvero quelle che possono avere maggiori effetti su sicurezza, salute e stabilità finanziaria degli utenti. Gli operatori Google controlleranno qualifiche e reputazione dei creatori di contenuti. Sotto particolare osservazione, i siti di consigli medici. Sempre in materia di autorevolezza, per quanto riguarda i riconoscimenti in ambito giornalistico, Google non riconoscerà più solo il Premio Pulitzer come prova di qualità. L’opinione pubblica ritiene infatti che lo storico premio sia esclusivamente appannaggio della stampa liberale e la società di Mountain View vorrebbe essere considerata politicamente neutra.

Google controllerà anche le scelte lessicali - Il lessico usato nei siti online non sarò certo in secondo piano nella valutazione di qualità Google. Per ridurre i fenomeni di odio e discriminazione di vario tipo in rete, il colosso digitale darà più spazio a chi userà termini politicamente corretti, come, ad esempio, “origine etnica” invece di “etnia” e “genere o identità di genere” al posto di “genere.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali