FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

A Cannes 2018 debutta "Whitney": la vita della popstar e gli abusi subiti... da una donna

Il docu-film firmato da Kevin Macdonald svela particolari inediti sulla vita di Whitney Houston

Abusata sessualmente, quando era una bambina, dalla cugina Dee-Dee Warwick, sorella maggiore della famosa Dionne. E' la rivelazione shock del docu-film "Whitney", di Kevin Macdonald, che ha debuttato Fuori Concorso a Cannes 2018 e che racconta la vita di Whitney Houston svelando torbidi particolari inediti, che potrebbero aver condotto la celebre popstar all'autodistruzione e alla morte...

Presentato sulla Croisette in anteprima, il documentario su Whitney Houston, morta a 48 anni nel 2012, arriverà nei cinema italiani dopo l’estate e nei cinema statunitensi il 6 luglio. Si tratta del secondo film sulla vita della popstar realizzato negli utlimi due anni e offre un punto di vista molto "intimo", ma soprattutto inedito, sul suo passato. Macdonald mostra immagini e filmini mai visti prima e racconta l'artista attraverso testimonianze e interviste alle persone più vicine e familiari della cantante, tra le più popolari e amate degli Anni Novanta. Dalla madre ai fratelli e poi il marito Bobby Brown, il collega ed amico Kevin Costner e l’uomo che la scoprì, il fondatore di Arista Records Clive Davis, tutti hanno svelato il loro "dietro le quinte" accanto a Whitney. L'intento del regista, come spiega lui stesso, è stato soprattutto quello di raccontare il personaggio Whitney, ma anche la donna, i suoi tormenti e ciò che l'ha condotta verso l'autodistruzione.

Tra le rivelazioni più clamorose quella dell'abuso sessuale subito dalla cugina Dee-Dee Warwick, sorella maggiore della famosa Dionne, e morta nel 2008. A svelarlo è "zia" Mary Jones, l'assistente personale della cantante, da lei trovata morta nella vasca da bagno e alla quale la Houston aveva parlato di una donna che la molestava quando era bambina: "Non ne ha mai parlato perché provava vergogna", ha detto la Jones: "Credeva di aver fatto qualcosa per far pensare alla cugina di volerlo...". La tesi è avvalorata e confermata anche dal fratellastro di Whitney, l’ex giocatore di basket Gary Garland-Houston, che ha confessato di aver subito le stesse molestie.

Macdonald tocca poi altri temi caldi della vita della popstar, dal rapporto col padre, che era anche il suo commercialista e che pare le abbia rubato ingenti somme di denaro a quello, molto difficile e tormentato col marito Bobby Brown, vissuto anche dalla figlia Bobbi Kristina, morta nel 2015, proprio con le stesse modalità della madre.

Whitney Houston, il mito della grande artista rivive in un docu-film

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE