FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Farmaci innovativi "fantasma": un medico su tre non può prescriverli

Dallʼindagine di Cittadinanzattiva emergono carenze nei centri abilitati alla prescrizione e ciò ricade sulla salute dei pazienti

Farmaci innovativi "fantasma": un medico su tre non può prescriverli

L'indisponibilità dei farmaci innovativi e le carenze dei centri abilitati alla prescrizione ricadono sulla salute dei pazienti. Un medico su tre dichiara di non aver potuto prescrivere un farmaco innovativo perché non disponibile nella struttura (36%) o perché deve seguire indicazioni amministrative o delle Commissioni regionali e aziendali sull'accesso al trattamento (34%). I dati emergono dall'indagine di Cittadinanzattiva che ha coinvolto 286 professionisti sanitari.

Ad incidere in particolare sono i tempi e i passaggi burocratici: dall'inserimento dei farmaci nel prontuario terapeutico regionale o aziendale alla prescrizione occorrono mediamente da uno a tre mesi (per circa il 40% dei professionisti). Dalla pubblicazione della delibera all'approvvigionamento, possono trascorrere dai 31 ai 120 giorni (per circa un terzo dei professionisti). Inoltre, i Centri abilitati alla prescrizione dei farmaci innovativi sono sottodimensionati, per oltre un professionista su due, per strumentazioni tecnologiche, personale e competenze.

Anche se in misura contenuta, esiste un problema di liste di attesa per i pazienti eleggibili al trattamento: lo conferma il 16% dei medici e il 25% dei farmacisti, principalmente a causa del mancato approvvigionamento dei farmaci, dei criteri di priorità di carattere clinico o sociale. Maggiori criticità nell'accesso si evidenziano per i cittadini provenienti da altre Regioni: il 16% dei medici e il 45% dei farmacisti riferiscono che per questi paziente l'accesso non è mai o raramente garantito.

Per gli stranieri l'accesso alle terapie innovative non è mai o è raramente garantito, come dichiara il 19% dei medici e il 29% dei farmacisti. Il 64% dei medici e l'85% dei farmacisti dichiarano che è presente nella Regione una Commissione terapeutica regionale, tuttavia due terzi dei medici non conoscono le tempistiche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali