FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Renzi: "Gli italiani si stancheranno presto del governo e noi torneremo"

Sul Def le opposizioni si scatenano. Lʼex premier parla di "retromarcia del popolo" e Rosato di "chiacchiere". Bernini: "Sembrerebbe che abbiano riscritto il documento. Ma aspettiamo il testo"

Renzi: "Gli italiani si stancheranno presto del governo e noi torneremo"

La nota di aggiornamento al Def segna la "retromarcia del popolo" secondo Matteo Renzi, che annuncia: "Per noi è tempo di resistenza civile". Il vicepresidente Pd alla Camera Ettore Rosato parla di "chiacchiere e promesse e niente fatti" mentre la capogruppo di Forza Italia al Senato Anna Maria Bernini parla di "frenata" ma dice che "verificherà in Parlamento".

Renzi da Costanzo: "Gli italiani si stancheranno presto di questo governo" - Le opposizioni vanno all'attacco del governo e dei contenuti del Def dopo che la giornata era stata aperta da un intervento particolarmente polemico di Renzi a "L'intervista" di Maurizio Costanzo, dove l'ex premier aveva assicurato: "Gli italiani si stancheranno ben presto di questo governo. Il reddito di cittadinanza sarà la fine del M5s". E aveva annuncia che, "anche se adesso sono forti nei sondaggi, di sicuro prima o poi noi torneremo".

E ancora: "Oggi gli italiani hanno parlato in modo chiaro e hanno detto proviamo altri, cambiamo. Se vuole la mia opinione sul futuro io penso che gli italiani si stancheranno molto presto di questo governo. Se domani si andrà alle elezioni, e io non credo che si andrà alle elezioni, vedremo quale sarà lo schema di gioco".

L'ex segretario Pd ha poi sottolineato l'importanza di tenere i conti in ordine: "Prima ero accusato di essere il piacione, poi di essere quello che sta più antipatico. Preferisco stare antipatico e tenere i conti in ordine che fare il piacione come fanno quelli che ora stanno al governo e mandare a rischio l'economia del Paese".

"Sai chi è che mi tradisce? Sai chi è che mi colpisce? Quelli che Andreotti chiamava i malati da sindrome del beneficiato rancoroso. Son quelli che hanno avuto tutto, gente che ha avuto ruoli di responsabilità che non avrebbe mai potuto immaginare di avere, che fino a che sei potente sono in prima fila a dirti ma come sei bravo, ma come sei intelligente ma come sei bello. Questi fino a che sei potente ti lusingano, ti coccolano, ti accudiscono, poi perdi il potere e iniziano a dire certo io avrei fatto in un altro modo. E mi verrebbe da dire, e perché non l'hai detto quando c'eri?".

Manovra, tutte le reazioni - E venendo alla manovra, Renzi su Twitter ha scritto: "Quindi quando hanno fatto la sceneggiata sul deficit al 2,4%, dal balcone di palazzo Chigi scherzavano, solo per bruciare decine di miliardi in Borsa. Adesso vediamo che cosa scrivono nel Def e nella legge di Bilancio; per noi è tempo di resistenza civile".

Gli ha fatto eco Rosato: "Anche stasera escono da Palazzo Chigi senza uno straccio di carta in mano. Ancora chiacchiere e promesse. Dicono che il deficit teoricamente calerà nei prossimi anni, noi ci speriamo. Ma l'esperienza con loro insegna che alle promesse non seguono i fatti".

Bernini: "Hanno riscritto il Def, ma il condizionale è d'obbligo" - Infine, la Bernini ha commentato così le parole del governo: "Sembrerebbe - ma il condizionale è quanto mai d'obbligo visto il profluvio di annunci diversi fin qui ascoltati - che il governo abbia scritto una nuova nota di aggiornamento del Def. C'è certamente una frenata dello sforamento del deficit sul triennio e ci sono altri elementi accennati dal ministro Tria, come un minimo di risorse per investimenti, mentre permangono misure assistenzialiste che non condividiamo. Prima di esprimerci vogliamo leggere i numeri veri e quindi chiediamo che la Nota sia depositata rapidamente in Parlamento. La verificheremo e poi ci pronunceremo compiutamente".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali