FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Abuso dʼufficio, Di Maio: "Salvini vuole abolire il reato? Più lavoro e meno str..." | La replica: "Lo dica al suo premier"

Botta e risposta tra gli alleati di governo. Il leghista: "Anche Cantone e Conte dicono che il reato va rivisto". Il ministro M5s: "Bene la marcia indietro, ora parla di migliorarlo e cʼè una bella differenza"

Botta e risposta nel governo sull'abuso d'ufficio. Il vicepremier, Luigi Di Maio, in risposta ad alcune dichiarazioni del collega Matteo Salvini, che aveva detto di voler abolire il reato, ha attaccato: "Più lavoro e meno str...". "Anche Cantone e Conte dicono che il reato va rivisto", ha replicato il leghista. Soddisfatto, alla fine, anche il ministro grillino: "Bene la sua marcia indietro, ora vuole migliorarlo e c'è una bella differenza".

Le parole di Salvini - Luigi Di Maio ha voluto replicare alle frasi di Salvini che mercoledì sera aveva dichiarato: "Io abolirei l’abuso d’ufficio. Lo abolirei perché non posso bloccare 8mila sindaci per la paura che uno possa essere indagato. Ci sono sindaci che non firmano niente per paura di essere indagati". 

La replica di Di Maio - L'abuso di ufficio "è un reato in cui cade spesso chi amministra ma se un sindaco agisce onestamente non ha nulla da temere". Lo ha scritto Luigi Di Maio su Facebook nella mattinata di giovedì. "Per evitare di far dimettere un sottosegretario togliamo il reato di corruzione? - si chiedeva Di Maio - Per noi il governo va avanti, ma a un patto: più lavoro e meno str...". "Non è togliendo un reato che sistemi le cose", ha aggiunto. Secondo il vicepremier grillino, voler togliere questo reato "è forse un modo per chiedere il voto ai condannati o per salvare qualche amico governatore?", si è chiesto.

Il post su Facebook - Di Maio ha poi chiarito ulteriormente il suo pensiero nel lungo post sui social: "Il reato di abuso d'ufficio esiste quando un incaricato di pubblico servizio, un dirigente o un politico ad esempio, nello svolgimento delle sue funzioni fa qualcosa che, intenzionalmente, procura a sé o ad altre persone a lui vicine un vantaggio ingiusto, arrecando ad altri dunque un danno. Volete un esempio? Un sindaco, un ministro, un presidente di Regione o un qualsiasi altro dirigente pubblico che fa assumere sua figlia per chiamata diretta, invece di convocare una selezione pubblica e dare a tutti la possibilità di ambire a quel posto di lavoro". 

"Poi ci lamentiamo dei cervelli in fuga..." - Il vicepremier ha proseguito chiedendosi: "Dovrei stare zitto davanti a chi apre ai raccomandati, a chi chiude le porte al merito, a chi favorisce qualcuno solo perché ha avuto qualcosa in cambio? E poi ci lamentiamo dei cervelli in fuga e dei nostri ragazzi che devono espatriare per cercare un lavoro? Ma per favore...".

"Non posso tacere di fronte a queste stupidaggini" - Ancora Di Maio: "Il colmo è che, se parlo, qualcuno fa la vittima e dice che insultiamo; se non parlo però siamo conniventi. Ma di fronte a questa stupidaggine io non posso tacere. Chi l'ha detto stavolta ha toppato alla grande". "Come si fa a dire che si vuole dare battaglia alla mafia e alla camorra con un decreto e poi subito dopo incitare all'abolizione del reato di abuso d'ufficio? Dov'è la logica?", ha concluso il vicepremier.

Salvini risponde: "Di Maio? Parli col suo presidente del Consiglio" - Non si è fatta attendere la contro-replica di Matteo Salvini che alla fine ha messo d'accordo le due parti. "Di Maio farà muro sull'abuso d'ufficio? Lo dica al suo presidente del Consiglio. È il presidente del Consiglio che ha detto che bisogna rivedere l'abuso d'ufficio perché sta bloccando il Paese. Quindi si mettano d'accordo tra di loro", ha detto il ministro dell'Interno ai cronisti fuori dall'aula bunker dell'Ucciardone, a Palermo. "Sono d'accordo con Cantone e Conte. L'abuso d'ufficio va rivisto. Io voglio mettere in galera i ladri, ma voglio che sindaci, funzionari pubblici, presidenti e associazioni di volontariato possano lavorare tranquillamente". In un'intervista rilasciata qualche tempo fa, infatti, il premier aveva sottolineato la necessità di riformare il reato sull'abuso d'ufficio ed è proprio a questo che si riferisce Salvini. 

Di Maio: "Mi fa piacere la marcia indietro di Salvini" - E proprio di fronte alle parole di Salvini, Di Maio si dice soddisfatto: "Mi fa piacere che abbia fatto marcia indietro.Adesso vuole migliorarlo e c'è una bella differenza rispetto alla volontà di abolirlo", ha detto il ministro M5s.. 

Fonti M5s: "Bene se la Lega fa un passo indietro" - Anche fonti interne al M5s hanno apprezzato il cambio di tono pur dopo aver sottolineato che "Salvini e la Lega hanno parlato di abolizione, hanno detto di voler abolire il reato di abuso d'ufficio. E noi non siamo d'accordo, non vogliamo che si aprano portoni ai raccomandati o a sistemi clientelari, già ne abbiamo avuto abbastanza in passato. Se poi, come suggerisce il presidente Cantone, si vuole rivedere la norma, necessità che peraltro riguarda molte altre leggi e provvedimenti, ben venga. Quando si migliorano le cose siamo sempre felici, è quando si vogliono nascondere sotto al tappeto che non ci va bene", concludono le stesse fonti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali