FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il taglio di capelli estivo più adatto a te

Capelli corti sui lati con il side cut o tagli medi e scalati, ecco le 6 tendenze hairstyle più indicate per lʼestate 2018

Il taglio di capelli dellʼestate più adatto a te

Sicuramente dovrai ricorrere a un taglio di capelli più frequente che una volta a stagione, ma quando nel corso dell'anno la stagione cambia davvero, e si passa dall'inverno alla primavera, è arrivato il momento di cambiare qualcosa in modo più deciso. Per ricorrere a un vero e proprio cambio di hairstyle, è bene dare prima un'occhiata alle tendenze del 2018, ricavate spesso dalle passerelle delle sfilate di stagione. E per la primavera di quest'anno, gli hair stylist più gettonati hanno decretato la scomparsa dei capelli lunghi, e un'opzione tra un taglio di capelli corti o medi, ma scalati. Ecco le 6 tendenze principali tra cui scegliere, anche in base al tuo gusto e alla forma del viso.

1. Taglio corto e lungo da businessman

Salvatore Ferragamo P/E 2018.

Uno dei tagli maschili che salterà più all’occhio durante il 2018 è il cosiddetto businessman. Ripescato dai rombanti anni 50, il taglio da "uomo d’affari" consiste in un taglio corto con ciuffo frontale piuttosto lungo, che viene parzialmente sistemato dietro le orecchio. Nel 2018 però gli uomini lo portano al naturale, senza gel o brillantina. Adatto solo per chi ha i capelli lisci o leggermente mossi.

2. Side cut

Versace P/E 2018.

Per chi non vuole esagerare con i tagli di capelli corti o addirittura rasati, ecco un taglio amatissimo per la primavera estate 2018. Il side cut consiste in una semplice rasatura laterale (da cui deriva il nome), un po’ alla Skrillex, mentre il resto dei capelli rimane corto o di media lunghezza. Magari non l’ideale per andare in banca, ma perfetto per chi fa lavori più informali.

3. Taglio di capelli classico

Tod's P/E 2018.

Dopo la creatività esplosiva delle ultime stagioni, probabilmente si sente il bisogno di tornare un po’ alla normalità. Il taglio di capelli più classico consiste in un fade regolare e piuttosto corto, in cui i capelli sono di una lunghezza che non supera i 4 cm sul davanti accorciandosi progressivamente sui lati e sulla nuca. Semplice ma funzionale, e adatto a ogni tipo di viso.

4. Taglio "The graduation"

Dolce&Gabbana P/E 2018.

Decisamente vintage ma gettonatissimo nel 2018. Il taglio "Graduation" si chiama così perché era un’acconciatura tipica degli anni 90 e 2000 nei college americani. Piuttosto vaporoso, è apprezzato soprattutto dai Millennial. Sicuramente trendy in ogni occasione, sicuramente più adatto ai giovani e a chi ha un viso più magro.

5. Taglio di capelli medi e scalati

Bottega Veneta P/E 2018.

Un altro must assoluto è portare il taglio medio scalato, una specie di caschetto. I capelli cadono morbidamente sui lati incorniciando il viso in modo delicato. Adatto a chi ha i capelli mossi o lisci e per chi ama lo stile grunge anni 90 alla Kurt Cobain.

6. Under cut

Tom Ford P/E 2018.

L'under cut è un taglio semi-rasato molto diffuso, perché consente di tenere la testa al fresco senza rinunciare ai capelli. La rasatura infatti viene effettuata soltanto sui lati della testa e sulla nuca, mentre viene lasciato un importante ciuffo sulla sommità del capo. Un taglio di capelli adatto anche all'uomo con un viso più rotondo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali