FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, sindacati: Embraco (gruppo Whirlpool) licenzia 497 lavoratori

"È urgente aprire un tavolo di trattativa e servirà un incontro al Mise", commenta Dario Basso, segretario generale della Uilm di Torino

Torino, sindacati: Embraco (gruppo Whirlpool) licenzia 497 lavoratori

Embraco, azienda del gruppo Whirlpool, sta attivando il licenziamento collettivo di 497 lavoratori, su 537 occupati, nello stabilimento di Riva di Chieri (Torino). Lo annunciano i sindacati. La notizia arriva a tre mesi dalla decisione di ridurre la produzione assegnata allo stabilimento torinese, dove si fabbricano compressori per frigoriferi, delocalizzando le attività produttive in altre sedi.

"Chiudiamo Riva di Chieri, ma manterremo comunque una presenza in Italia", precisa l'azienda. "L'Embraco continua sulla linea intransigente. È urgente aprire un tavolo di trattativa e servirà un incontro al Mise", commenta Dario Basso, segretario generale della Uilm di Torino.

"Lo scenario presentato - afferma Federico Bellono, segretario generale della Fiom Torino - è di gran lunga il peggiore tra quelli che si potevano prefigurare. La totale assenza di responsabilità sociale da parte della Embraco è inaccettabile per i lavoratori e per le istituzioni". "Enorme sconcerto", esprime l'assessora regionale al Lavoro, Gianna Pentenero.

Chiamparino: "Calenda coinvolgerà Whirlpool Usa" - Il ministro Carlo Calenda coinvolgerà Whirlpool nella vicenda Embraco, azienda che fa parte del gruppo Usa, dopo il licenziamento di 497 lavoratori nell'impianto di Riva di Chieri (Torino). Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino spiegando di essere "in stretto contatto" con il titolare dello Sviluppo economico. Calenda, ha aggiunto il governatore, ha anche convocato un tavolo per venerdì alle 14.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali