FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Lavoro, Ue: in Italia record di Neet (quasi 20%) e cresce la povertà

Eʼ tra i più alti dʼEuropa il dato dei giovani che, tra i 15 e i 24 anni, non hanno un lavoro né lo cercano. Cresce il numero di persone in condizioni di povertà estrema (11,9%)

Lavoro, Ue: in Italia record di Neet (quasi 20%) e cresce la povertà

E' un ritratto denso di ombre quello che emerge dall'indagine 2017 della Commissione Ue sul lavoro in Italia. I giovani tra i 15 e i 24 anni che non hanno un lavoro né lo cercano (i Neet) sono pari al 19,9% contro una media Ue dell'11,5%, la differenza tra uomini e donne attivi è al 20,1% e cresce, caso unico con Estonia e Romania, il numero di poveri (11,9%). Infine, il numero degli autonomi è tra i più alti d'Europa (più del 22,6%).

I Neet in Europa

Il report mette in luce le difficoltà che i giovani incontrano nell'affacciarsi al mondo del lavoro, e tutte le conseguenze che questo comporta.

La disoccupazione fra i 15 e i 24 anni - In Italia, la disoccupazione nella fascia d'età tra i 15 e i 24 anni nel 2016 si è attestata al 37,8%, in calo rispetto al 40,3% del 2015. Resta comunque la terza in Europa dopo Grecia (47,3%) e Spagna (44,4%).

La diffusione dei contratti atipici - Chi riesce a trovare lavoro sottoscrive, in più del 15% dei casi, contratti atipici ed è "considerevolmente più a rischio precarietà". Inoltre, se ha meno di 30 anni, guadagna in media meno del 60% di un lavoratore ultrasessantenne. Ne consegue che i giovani italiani escono dal nido familiare e fanno figli fra i 31 e i 32 anni, più tardi rispetto a una decina di anni fa e molto dopo la media Ue, che si arresta intorno ai 26 anni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali