FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Crescita, Ue: Italia e Gran Bretagna fanalino di coda nel 2018

Riviste al ribasso le stime anche per il 2019: il Pil italiano crescerà dellʼ1,1%, lo 0,1% in meno rispetto a quanto precedentemente ipotizzato

Crescita, Ue: Italia e Gran Bretagna fanalino di coda nel 2018

Italia e Gran Bretagna in coda all'Unione europea per la crescita economica, secondo le ultime stime della Commissione Ue. Nel 2018 in entrambi i Paesi il Prodotto interno lordo salirà solo dell'1,3% (per l'Italia a maggio si prevedeva un +1,5%), mentre nel 2019 l'Italia metterà a segno un +1,1% contro una precedente stima dell'1,2% e la Gran Bretagna si fermerà a +1,2%. La crescita più alta prevista per quest'anno è quella dell'Irlanda, a +5,6%.

La Commissione europea ha quindi rivisto al ribasso le previsioni di crescita economica sull'Italia: 0,2 punti in meno sul 2018 e 0,1 punti in meno sul 2019. Sull'eurozona è previsto un più 2,1% quest'anno (anche in questo caso 0,2 punti in meno rispetto a tre mesi fa) e un più 2% sul 2019 (stima invariata).

Crescita frenata da investimenti ed export - A inizio anno l'Italia ha registrato un rallentamento meno marcato di altre economie avanzate ma "non è riuscita a sfuggire pienamente alla generale perdita di slancio", afferma la Commissione nel capitolo dedicato all'Italia del suo Summer Interim Forecast. Consumi e scorte delle imprese hanno tenuto mentre investimenti e export hanno avuto un effetto frenante, e le prospettive della produzione industriale fanno anche qui presagire una moderazione.

"Il rischio al ribasso per le prospettive di crescita sono diventati più accentuati con le accresciute incertezze a livello globale e interne. A livello interno - prosegue la Commissione - qualunque riemergere di preoccupazioni o incertezze sulle politiche economiche e possibili ricadute sul rifinanziamento delle imprese da tassi di interesse più alti sui titoli di Stato, potrebbero peggiorare le condizioni di finanziamento e smorzare la domanda interna".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali