FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il nostro corpo parla. Ecco come ascoltare quel che ha da dirci

Fare pace con noi stessi attraverso una maggior consapevolezza del nostro fisico: cambiare il rapporto con il corpo e la vita si può.

Il nostro corpo parla. Ecco come ascoltare quel che ha da dirci

Il rapporto che ci lega al nostro corpo è la metafora quotidiana del metterci in relazione con la nostra vita e può aiutarci a trovare una chiave per superare le nostre paure; spesso infatti i disagi alimentari sono la spia di qualcosa che si rompe nel profondo di noi stessi.

Basta la parola: dieta? Brrrrr! Se da anni cerchiamo di dimagrire, ma la sola parola "dieta" ci evoca l'immagine di un carcere, occorre cambiare radicalmente il modo in cui interpretiamo gli eventi: focalizzarci sugli aspetti positivi anziché solo su quelli negativi è fondamentale. Abbandoniamo la parola dieta e sostituiamola con un nuovo pensiero positivo, per esempio "stare in forma". Mettersi in relazione con un bisogno nuovo del nostro corpo sarà facilissimo.

Legittimo desiderio: lo sappiamo tutti: regole troppo ferree stimolano l'effetto opposto, generando un pensiero ossessivo su ciò che classifichiamo come "proibito". La parola d'ordine? Sostituire! Se abbiamo voglia di dolce è utile soddisfare questo desiderio senza eliminare, piuttosto virando su una versione altrettanto gustosa, ma meno calorica o genuina. Quando si abitua il corpo a nuovi sapori, lentamente si agisce sul tipo di stimolazione senza cambiare il risultato finale, così il nostro cervello tenderà ad associare il gusto relativo al dolce a cibi diversi, per esempio frutta, yogurt e frutta secca, decisamente più sani e ipocalorici.

Senza impegno: una semplice passeggiata all'aria aperta accelera il metabolismo, influisce sulla produzione di vitamina D, fondamentale nella prevenzione all'osteoporosi, e permette di riconnettersi con le nostre risorse interiori, favorendo un profondo rilassamento dell'organismo. Una mezz'oretta di attività fisica ogni giorno può bastare: la strada per andare in ufficio o il dopo cena sono ottimi pretesti per mettere il naso fuori casa.

Pensiero stupendo: nella società occidentale vengono ingurgitate enormi quantità di cibo, quasi sempre in modo del tutto inconsapevole, mentre I monaci zen hanno una regola per chi si trova nel ruolo del cuoco: pensare solo a ciò che si sta facendo. Mentre tagliamo, impastiamo, inforniamo osserviamo i nostri gesti perché stiamo creando il nutrimento per noi e la mostra famiglia. Un nuovo modo di vivere la nostra alimentazione, riflettere sul senso di gratitudine verso il cibo e la vita ci avvicina ai bisogni del nostro organismo e del nostro corpo.

Qui e ora: l'unico momento vero che abbiamo per agire, per fare la differenza, per vivere è il presente. Continuare a pensare al passato o proiettarsi nel futuro non serve a niente. Se ci lasciamo liberi di ascoltarci nel profondo scopriremo che il nostro corpo non è un nemico, inizieremo a fare pace con noi stessi e ritroveremo il gusto per la vitalità, il buon umore, l'energia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali