FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

A Pasqua 2019 niente sprechi e tanta voglia di uscire di casa

Per le festività oltre sei milioni di persone consumeranno il pranzo nei ristoranti del Belpaese: tanto gusto nei piatti della tradizione

A Pasqua 2019 niente sprechi e tanta voglia di uscire di casa

Per le vacanze di Pasqua e i ponti di primavera quest'anno la parola d'ordine è "aperti per ferie": domenica 21 aprile saracinesche alzate per il 90% dei ristoranti, a Pasquetta per l'82,2%, mentre per il 25 aprile e il primo maggio gli esercizi aperti saranno praticamente la totalità (98,2%)

I dati Fipe Federazione Italiana Pubblici Esercizi) per il giorno di Pasqua indicano un'apertura quasi totale dei ristoranti, in leggera flessione (1,5%) rispetto allo scorso anno a causa dell'incertezza delle condizioni meteo che ancora impediscono alla stagione di decollare.
Per quanto riguarda le presenze, sono previsti 6,3 milioni di clienti, di cui la metà saranno turisti, per la maggior parte di nazionalità italiana e una spesa complessiva stimata in 328,8 milioni di euro.

A Pasqua i ristoranti proporranno soprattutto i menù degustazione (nel 63% del totale), perlopiù composti da sei portate ad un prezzo medio di 53 euro con bevande incluse, in leggero aumento rispetto allo scorso anno. Il 37% degli esercenti offrirà invece menù alla carta di tre portate ad un prezzo medio di 50 euro, bevande escluse.

Cosa si mangerà sulle tavole pasquali?
Nel 76,5% dei casi a farla da padrone sarà la tradizione all'insegna dei piatti tipici come l'agnello, ma non mancheranno la pasta fresca e dessert, con un trionfo di dolci tipici come pastiere, colombe e cassate, mentre molti piatti avranno la fragola come protagonista essendo il frutto di stagione.

Particolare attenzione sarà riservata alle famiglie con bambini, con menù dedicati ai più piccoli nel 37,5% dei ristoranti. Cresce la sensibilità dei ristoratori anche nei confronti di chi ha esigenze alimentari specifiche, come le intolleranze oppure regimi alimentari vegetariani o vegani.

Infine, una buona notizia: cresce infatti la pratica della doggy bag, anzi, del rimpiattino. Quasi l'80% degli esercenti è disposto a dare ai propri clienti un rimpiattino per consentire di portare a casa cibi e bevande non consumati sul posto. In linea generale i ristoratori ritengono che almeno per il giorno di Pasqua lo spreco risulterà piuttosto contenuto: etica e buon cibo, un connubio vincente.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali