FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Treviso, violenta la figlia di 2 anni e mette il video in Rete: 46enne arrestato

Il padre della piccola è stato individuato grazie ad una segnalazione della polizia australiana che, indagando sui siti pedopornografici nel dark web, ha rintracciato il filmato

Treviso, violenta la figlia di 2 anni e mette il video in Rete: 46enne arrestato

Un uomo di 46 anni residente in un paese del Trevigiano è stato arrestato con la terribile accusa di aver violentato la figlia di due anni e mezzo e aver messo poi in Rete, per le chat di pedofili, i video di quegli atti. Il padre della piccola è stato individuato grazie ad una segnalazione della polizia australiana, che indagando sui siti pedopornografici nel dark web ha rintracciato i video e alcuni frame in cui compariva il volto del presunto orco.

Oltre al volto dell'uomo, nel video è apparsa anche la targa di un'auto.

Le indagini della polizia postale del Veneto - riferisce la stampa locale - hanno permesso di individuare la casa del 46enne, che è stato arrestato, su ordine della procura di Venezia, per violenza sessuale pluriaggravata e commercio di materiale pedopornografico.

L'uomo, che viveva da solo con la bambina, sua figlia biologica, è ora in carcere a Treviso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali