FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Concorsi pilotati in Umbria, procuratore: "Cʼera una gara per fermare lʼindagine"

Per il magistrato "il mondo oggetto dellʼindagine era caratterizzato inizialmente da una profonda omertà: alcune microspie sono state scoperte da uno degli indagati"

Per il procuratore di Perugia, Luigi De Ficchy, "c'è stata una gara a far scoprire l'indagine" sui presunti concorsi pilotati per le assunzioni all'ospedale di Perugia. Secondo il magistrato, infatti, l'inchiesta si è dovuta "fermare" dopo che nell'ufficio del direttore generale dell'Azienda ospedaliera, Emilio Duca, sono state trovate alcune microspie in seguito a una bonifica da lui stesso ordinata.

Il procuratore De Ficchy, che non è voluto entrare nel merito dell'inchiesta, ha rilevato che il mondo oggetto dell'indagine era caratterizzato inizialmente "da una profonda omertà". La guardia di finanza, intanto, ha sentito decine di persone, tra candidati vincitori dei concorsi e quelli esclusi, presidenti e componenti delle commissioni.

Non ancora fissati gli interrogatori di garanzia dell'ex assessore regionale alla Sanità Luca Barberini, dell'ex segretario regionale del Pd Gianpiero Bocci, del direttore generale dell'Azienda ospedaliera Emilio Duca e di quello amministrativo Maurizio Valorosi, tutti ai domiciliari.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali