FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Permesso premio al killer per il suo compleanno, Bonafede invia ispettori

Il giovane è stato condannato a oltre 16 anni per aver ucciso un vigilante. I sindacati della polizia penitenziaria: "Indignati e sgomenti"

Permesso premio al killer per il suo compleanno, Bonafede invia ispettori

Alfonso Bonafede ha incaricato l'Ispettorato del ministero di Giustizia di compiere accertamenti sul permesso premio concesso, per il suo 18esimo compleanno, a uno dei tre killer condannati per l'omicidio di Francesco Della Corte, il vigilante ucciso il 16 marzo 2018 all'esterno della metro di Piscinola, a Napoli. L'Ispettorato compirà accertamenti "volti a valutare la correttezza della procedura ed eventuali condotte disciplinarmente rilevanti".

Per l'omicidio del vigilante, il giovane è stato condannato a 16 anni e mezzo. La decisione di concedergli il permesso premio ha scatenato la rabbia della figlia della vittima, che ha definito "vergognoso" quanto accaduto, ma anche la dura presa di posizione dei Sindacati della Polizia Penitenziaria. "Sempre più spesso - si legge in un tweet dell'Uspp - la polizia penitenziaria deve eseguire bizzarre scorte per eseguire fantasiose ordinanze dell'Autorità Giudiziaria, ma questo caso indigna e lascia sgomenti".

Per il presidente dell'Uspp, Giuseppe Moretti, e il segretario campano, Ciro Auricchio, è ancora più grave che il nullaosta sia stato dato a chi "non si è ravveduto" e "non si è mai scusato con la famiglia". E' lecito far uscire condannati dal carcere, spiegano, ma "per favorire percorsi di rieducazione", non per partecipare "ad eventi ludici, come spettacolo e feste private".

Il figlio della vittima: "Abbiamo fiducia nella giustizia" - "Certo che mi ritengo soddisfatto", ha commentato il figlio del vigilante ucciso, Giuseppe Della Corte. "Non posso credere al fatto che sia stato concesso un permesso premio all'assassino di mio padre, per festeggiare il compleanno con amici e parenti all'esterno del carcere; questo non lo ritengo rieducativo. Dopo poco più di un anno dall'omicidio, questa belva come può essere premiata? Io non lo accetto, visto che è l'artefice della distruzione della mia famiglia, colui che mi ha provocato tanto dolore". "Il fatto che sia partita un'ispezione - ha aggiunto - non ci fa perdere la fiducia nella giustizia, in cui noi crediamo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali