FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

I vicini di casa: “Urlava sempre, la moglie era sottomessa”

A “Pomeriggio Cinque” le testimonianze degli abitanti del quartiere

A Milano in via Ricciarelli sono comparsi peluche, candele e biglietti di cordoglio per il bimbo di due anni morto dopo esser stato picchiato dal padre. Aliza H., il 25enne di origine croata, non sembra essere nuovo alle violenze né alle aggressioni verbali come raccontano i vicini di casa della coppia: “Lo sentivo urlare spesso – racconta a “Pomeriggio Cinque” uno dei condomini – lui gridava contro i bambini perché piangevano anziché giocare”.

Anche la moglie era succube del carattere violento dell’uomo: “Lei era completamente sottomessa a lui. Era poco più di una bambina” commenta il vicino di casa. Anche altre voci raccolte confermano che Aliza fosse incline alle prepotenze nei confronti dei famigliari: “Lo incontrai con una mano sanguinante – spiega un altro condomino – mi disse che aveva tirato un pugno a un vetro. Le urla erano all’ordine del giorno”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali