FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lecce, ladri di sabbia: rubavano rena dalla spiaggia pubblica

Nei guai il proprietario di un lido di Salve: ha asportato il sedimento con escavatore e autocarro senza alcuna autorizzazione

Asportavano sabbia dalla foce di un canale di bonifica e la riversavano in una spiaggia privata con l'aiuto di escavatore e autocarro. Per farlo però non avevano nessuna autorizzazione. E' successo a Salve, in provincia di Lecce. Nei guai sono finiti il proprietario del lido e il titolare dell'azienda che eseguiva le operazioni di rimozione e trasporto. L'area interessata, circa 150 metri quadrati, è stata posta sotto sequestro. I ladri di sabbia pubblica dovranno rispondere dei reati di: distruzione e deturpamento di bellezze naturali, deviazione di acque e modifica dei luoghi.

Il furto è stato scoperto dalla polizia ambientale e dalla Guardia costiera che, dopo un controllo, hanno accertato che le operazioni di spostamento della sabbia dalla spiaggia pubblica a quella privata avvenivano senza autorizzazione né da parte del Consorzio di bonifica competente né dell'Amministrazione comunale di Salve. Oltre l'area interessata, è stato posto sotto sequestro anche lo stabilimento balneare dove era stata accantonata la sabbia e i mezzi utilizzati per le operazioni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali