FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Riciclaggio: la Procura di Roma ordina lʼarresto per Giancarlo Tulliani

Lʼordinanza è relativa a una tranche dellʼinchiesta su una presunta associazione a delinquere che riciclava i proventi del mancato pagamento delle imposte su gioco on-line e slot machine

Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per Giancarlo Tulliani, cognato di Gianfranco Fini, è stata emessa dalla procura di Roma per riciclaggio. Quest'ultima attività sarebbe riconducibile a Francesco Corallo, il "re delle slot" detenuto da dicembre. Il provvedimento però non è stato eseguito: Tulliani, infatti, è residente a Dubai e per la magistratura italiana risulta irreperibile.

L'ordine di arresto è relativo a una tranche dell'inchiesta, nella quale è indagato lo stesso Gianfranco Fini, su una presunta associazione a delinquere transnazionale che riciclava tra Europa e Antille i proventi del mancato pagamento delle imposte sul gioco on-line e sulle slot machine.

Da alcune intercettazioni telefoniche sarebbe emerso l'auspicio di Giancarlo Tulliani di non tornare in Italia "per evitare guai giudiziari", scrive il gip Simonetta D'Alessandro nell'ordinanza di custodia cautelare nei confronti del cognato di Gianfranco Fini. Per il Gip la richiesta di arresto è motivata da una "strategia criminale reiterata" di Tulliani favorita da contatti politici e dalla abilitò a muoversi a livello internazionale.

I nuovi sviluppi sono il risultato di un approfondimento investigativo sulle indagini che il 13 dicembre avevano portato all'arresto di Francesco Corallo, Rudolf Theodoor Anna Baetsen, Alessandro La Monica, Arturo Vespignani e Amedeo Labocetta, ritenuti capi e partecipi dell'associazione a delinquere. Il profitto illecito, una volta depurato, secondo gli inquirenti sarebbe stato impiegato da Francesco Corallo in attività economiche e finanziarie, in acquisizioni immobiliari, e destinato anche ai membri della famiglia Tulliani.

Gianfranco Fini: ho chiesto di essere interrogato - "Nei giorni scorsi ho dato mandato ai miei legali Francesco Caroleo Grimaldi e Michele Sarno di chiedere ai magistrati di essere interrogato e ho dato loro mandato a querelare per calunnia Amedeo Laboccetta". Lo ha detto in una nota l'ex presidente della Camera Gianfranco Fini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali