FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ryzhik, il primo gatto al mondo con le zampe artificiali modellate in 3D

Nel freddo inverno russo il cucciolo aveva perso gli arti per congelamento. Ma grazie alle nuove protesi è tornato a camminare

Il piccolo Ryzhik, un gatto della Russia siberiana, rischiava di essere soppresso. Il cucciolo era stato ritrovato in stato di assideramento per le strade di Tumsk a -40° C. I veterinari che l'hanno soccorso sono stati obbligati ad amputargli tutti gli arti. Sembrava che la vita fosse finita per lui, ma i medici sono riusciti, per la prima volta al mondo, a impiantargli 4 protesi che ora consentono a Ryzhik di tornare a camminare.

Ryzhik è stato portato in una clinica a Novosibirsk, specializzata nell'impianto di protesi artificiali. Grazie ad una tecnologia di modellazione 3D è stato possibile costruire arti perfetti per Ryzhik che subito dopo l'operazione è tornato a camminare.

"E' sicuramente il primo gatto al mondo a essere sottoposto a questo tipo di operazione chirurgica - spiega al Siberian Times il dottor Gorshkov che ha curato l'animale - Gli arti sono perfettamente collegati alla pelle e alle ossa. La parte dell'arto che entra nel corpo è spugnosa". Grazie a questa nuova tecnologia, Ryzik non percepisce le nuove zampe come corpi estranei e può continuare così a correre come un tempo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali